Farfalle con pesto di calendula

La calendula è uno dei fiori più diffusi nei nostri campi. Al Podere delle Emozioni Perdute amiamo utilizzare ogni prodotto che la nostra terra offre e i fiori, così belli da ammirare, sono anche molto buoni da mangiare.

Il fiore della calendula appartiene alle asteraceae ed è utilizzato in erboristeria e come pianta medicinale fin dall’antichità. In cucina può essere utilizzato sia come elemento decorativo sia come elemento centrale, come nel nostro pesto.

Il colore giallo vivo e il sapore intenso di fiori sono perfetti per condire una pasta fatta in casa. Dal punto di vista nutrizionale, i fiori di calendula hanno proprietà antinfiammatorie e sono un toccasana per il nostro intestino.

Proprio per queste sue caratteristiche, un altro uso che vi consigliamo della calendula è all’interno di una tisana. Potete far essiccare i petali e poi usarli come base per il vostro infuso.

Ingredienti:

50 fiori di calendula
una decina di mandorle
olio
sale
q.b. parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento:

  • Tostate leggermente le mandorle in un padellino e poi frullatele grossolanamente. Tenetele da parte.
  • Sciacquate velocemente i fiori di calendula per togliere ogni impurità.
  • Procedete minuziosamente a staccare i petali di calendula e lasciateli asciugare su un panno.
  • Versate nel mixer i petali, le mandorle, sale, parmigiano e olio ad intervalli regolari, aggiustando di sapore e consistenza.
  • Una volta cotta la pasta, condite con il vostro pesto di calendula e mandorle, aggiungendo qualche petalo di fiore fresco per abbellire il piatto.

Ricetta realizzata in collaborazione con Spignattando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *